.
Annunci online

Degania
"Due cose in vita mi furono sommamente care: il cielo stellato sopra di me, la legge morale dentro di me" Kant
Link

Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

blog letto 72092 volte


« "O frati," dissi, "che per cento milia perigli siete giunti a l'occidente, a questa tanto picciola vigilia d'i nostri sensi ch'è del rimanente non vogliate negar l'esperïenza, di retro al sol, del mondo sanza gente. Considerate la vostra semenza: fatti non foste a viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza". » 

Canto XXVI dell'Inferno (vv.112-120)




Locations of visitors to this page
letteratura
Il mio piccolo Big Bang di Benny Barbash
22 settembre 2011
Però succede che una cosa avvenga all’improvviso, in un istante, senza nessuna spiegazione logica. E siccome è un fatto molto raro – fino al caso di mio padre c’era stato un solo altro esempio datato circa quattordici milioni di anni fa e chiamato Big Bang – la maggior parte della gente proprio non ci riesce a comprendere una cosa del genere. Le persone devono sempre dare una spiegazione a ogni cosa che non ha una spiegazione, e spesso sono capaci di dire che è successo un miracolo. Un miracolo è una specie di spiegazione che dice che non c’è spiegazione, ma la verità è che non esistono miracoli, anche se molti sono convinti che ci siano e sono pure persuasi che a loro, proprio a loro personalmente sono successi non pochi miracoli. Per esempio, dal più semplice al più difficoltoso: 1) Hai visto sul canale 24 un video del gruppo Pesceserpente e poi quando scendi giù in strada passa proprio in quel momento una macchina dalla quale, a tutto volume, senti la stessa identica canzone che un attimo prima avevi sentito in casa – e cos’è questo se non un miracolo? 2) Non hai preparato i compiti di Bibbia e per tutta la notte hai pregato che il professore morisse; ed ecco che la mattina, mentre stai andando a scuola, il professore muore in un incidente stradale – e tu hai avuto un miracolo delle dimensioni del miracolo di Chanukkà. 3) Cammini in via Ibn Gabirol lungo il marciapiede e all’improvviso dal davanzale del terzo piano un vaso sfugge di mano a un’appassionata di fiori imbranata con i cacciaviti – e il vaso cade di sotto e ogni secondo la sua velocità cresce di 9,8 metri al quadrato, e nel momento in cui si frantuma sulla testa dell’uomo che sta camminando mezzo metro dietro di te ha già raggiunto una velocità di circa sessanta chilometri orari. Se questo pover’uomo, che ha dei gerani mescolati a quello che resta del suo cervello, potesse pensare, non c’è dubbio che non penserebbe che gli è successo un miracolo; ma a te, che camminavi mezzo metro più avanti, è successo un grande miracolo, perché se avessi incominciato la tua giornata mezzo secondo prima quel vaso cadeva sulla tua di testa. La cosa interessante che è possibile imparare dagli ultimi due esempi è che un miracolo e una catastrofe sono molto spesso le due facce di una stessa medaglia. La salvezza di uno viene a scapito della salvezza di un altro. Ed è anche facile vedere come i miracoli più che un fatto scientifico sono un fatto di fede, e dipendono molto dalla domanda: su quale faccia della medaglia stai tu quando il miracolo ti casca addosso?



permalink | inviato da demiurgo il 22/9/2011 alle 15:36 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Il sogno
21 luglio 2009

Ogni pietra rappresentava il singolare conglomeratop di una volontà, di una memoria, a volte di una sfida. Ogni edificio, sorgeva sulla pianta di un sogno.

                                                                                                 da "Memorie di Adriano" di M. Yourcenair




permalink | inviato da demiurgo il 21/7/2009 alle 17:25 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Breathing life back into Nablus
20 luglio 2009
 

 

Market in Nablus
Locals say the streets are bustling for the first time in years

By Heather Sharp
BBC News, Nablus

Business has more than doubled in recent months, said sweet shop owner Magdi Abu Salha, taking a break from slicing up knefi, the sticky cheese-based dessert for which his home town of Nablus is famed.

Two years ago the northern West Bank town was a stronghold of armed Palestinian militant groups.

And just three months ago, the six Israeli roadblocks and checkpoints that had ringed it for nine years had all but killed its economic life.

Magdi Abu Salha, Nablus sweet shop owner
Magdi Abu Salha says the Israeli-Arab visitors have boosted business

Most residents could leave only by two routes - on foot or through checkpoints which often had long queues.

Israel says its system of closures and checkpoints in the West Bank is necessary to stop potential suicide bombers and other attackers, but many Palestinians have long viewed it as a form of collective punishment.

International efforts to boost the Palestinian Authority security forces have already borne fruit in Jenin, which saw movement restrictions eased last year.

And in recent weeks, Israel has deemed security gains sufficient for it to take what it describes as the "calculated risk" of removing and easing many key roadblocks and checkpoints across the West Bank.

West Bank map

Cars now drive within a few minutes through Hawarra, Nablus's main checkpoint; the other roads in and out of the city have reopened.

Headscarved women pick through piles of shoes and bags as Arabic pop plays from loudspeakers on the newly bustling streets.

A cinema opened its doors in the city last month for the first time in 20 years.

Dozens of busloads of Israeli-Arabs have been coming to shop on Saturdays since April, when Israel began allowing them to cross the West Bank barrier from northern Israel, one day a week.

Political graffiti and posters of militants that have died are being replaced with signs saying "Welcome to Nablus, the economic capital". Palestinian policemen are enforcing new seat belt laws.

'Change is possible'

In a complex perched on a rubble-strewn hill outside the town centre, Tony Blair, Middle East envoy for the international community and former British PM, toured the gleaming tiled floors of the Nablus Hyatt this week.

"We didn't bring the swimming trunks," he quipped by the new hotel's large, pristine pool.

Middle East quartet envoy Tony Blair
Mr Blair believes "credible" peace talks will soon be launched

Tasked with improving the economic situation in the West Bank, he has pushed hard for the removal of the checkpoints.

"Two years ago, I couldn't have come here, there were militia in the streets," he said.

"There's still massive amount to do, but providing we keep building on the security and the economics, and then we add to that a credible political negotiation, what Nablus shows is that change is possible."

Suleiman Daifi, a member of the hotel's board, says the $3.1m that a group of local figures ploughed into the facility was a "very dangerous investment".

The complex opened in April and is not yet covering its costs. But the management say the removal of the checkpoints and Israeli-Arab visitors have boosted business 20-30%.

Nablus Hyatt board member Suleiman Daifi
The Nablus Hyatt was a "dangerous" investment, says Mr Daifi

Israel's new, right-leaning prime minister, Benjamin Netanyahu, has made much of the phrase "economic peace".

In opposition, he used it to refer to plans to boost economic activity in the West Bank as he did not consider the Palestinians, split between the Fatah-dominated Palestinian Authority and Hamas, ready for serious negotiations to end the decades-old conflict.

Netanyahu wants to concentrate on the economic situation - as if all Arabs become rich they will forget the political issue… that's wrong
Essam al-Qudu
Businessman

Since coming to office, and under pressure from US President Barack Obama to kick-start peace talks, he has advocated political negotiations alongside economic measures.

But while he reluctantly backed the principle of a demilitarised Palestinian state, he has issued the new demand that the Palestinians recognise Israel as a Jewish state, and refuses to freeze all settlement activity.

Mr Daifi said he believes the peace process is "stuck".

"I think economic peace is a joke," he said. "The economy will not be sustainable if there is not a sustainable political situation."

Mr Blair said he believes American efforts will lead to the relaunch of a "credible" peace process "in the next few weeks, next few months".

'Root of the problem'

On Wednesday, the IMF issued an unusually upbeat economic forecast for the West Bank, predicting 7% growth - but only if Israel continues to ease restrictions.

But Essam al-Qudu, who has to travel all over the West Bank as manager of a company which installs security systems, said there is no guarantee the checkpoints will even stay open.

He says there is already a "different atmosphere" in Nablus.

But he remembers the short-lived wave of optimism and freedom of movement in the wake of the 1993 Oslo peace accords, which gave way to heavy closures as the second Palestinian intifada or uprising broke out in 2000.

"Netanyahu wants to concentrate on the economic situation - as if all Arabs become rich they will forget the political issue… that's wrong."

"The main root of the problem is the political situation - an independent state for us," he said.




permalink | inviato da demiurgo il 20/7/2009 alle 9:45 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Intermezzo per il G8
8 luglio 2009



permalink | inviato da demiurgo il 8/7/2009 alle 16:41 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Odissea africana: il libro di un ragazzo sudanese salutato come un capolavoro
6 luglio 2009

A 18 anni aveva già percorso 6000 km a piedi e attraversato i confini di otto stati senza passaporto

PRETORIA (SUDAFRICA) - Il viaggio di un ragazzo sudanese attraverso tutto il continente africano per sfuggire alla guerra civile e alla miseria. E' il tema del libro "The lost boy", (il ragazzo perduto), opera del giovane Aher Arop Bol, salutata dalla critica internazionale come un autentico capolavoro. Scritto in sole sei settimane, narra la strordinaria voglia di vivere e di lottare di questo venticinquenne, originario di Dinka, Sudan meridionale, fuggito dalla guerra civile che imperversava nel suo paese e arrivato in Sudafrica nel 2002. L'Observer, edizione domenicale del Guardian di Londra, dedica al libro un lungo articolo riportando i commenti entusiasti di alcune riviste sudafricane come "Drum Magazine" che definisce l’opera “una straordinaria storia di dolore, di disperazione e soprattutto di sopravvivenza”.

Aher Arop Bol
Aher Arop Bol
LA STORIA - Oggi Arop Bol ha venticinque anni e vive a Pretoria, capitale del Sudafrica. E' molto soddisfatto del successo di critica che ha avuto il suo libro, ma il suo grande sogno è quello di tornare nel suo paese natio e mettersi nel commercio. Il giovane ha lasciato il Sudan circa 22 anni fa: il suo villaggio allora fu attaccato dai ribelli e da allora si separò dai suoi genitori. Per alcuni anni visse in diversi campi profughi in Etiopia, Kenya e Zimbabwe assieme a uno zio. I suoi primi ricordi sono legati a questo drammatico periodo quando, come racconta nel suo libro, "migliaia di uomini e donne morivano di fame" e i loro corpi erano ammassati e bruciati in grandi roghi. All'età di cinque anni si separa dallo zio che decide di arruolarsi nel "Movimento armato per la liberazione del popolo sudanese". Da allora per il piccolo Arop Bol comincia un’esistenza solitaria. Vive assieme ai rifugiati di guerra e qui conosce altri "lost boy", ragazzi sudanesi che come lui hanno perduto la famiglia e vivono nei campi profughi. Con loro condivide la solitudine e il dolore, litiga per il poco cibo che riesce a procurarsi e assieme a questi coetanei passa anche notti sotto le bombe. Come tanti rifugiati di guerra, quando si trova in alcuni campi profughi in Kenya, fa numerosi colloqui per essere adottato da una famiglia occidentale. Ma viene sempre scartato, perché è giudicato troppo giovane e il sogno di trasferirsi in un mondo senza guerra rimane una chimera. A  18 anni ha già percorso 6000 km e attraversato i confini di otto stati africani senza passaporto. Finalmente nel 2002 arriva in Sudafrica. Comincia a fare diversi lavoretti e contemporaneamente studia legge. Poi all'improvviso l'idea del libro che ottiene un grande successo di critica

RAGAZZI-ORFANI - Oltre ad Arop Bol i veri protagonisti di quest'opera sono i tanti ragazzi che dopo lo scoppio della Seconda guerra civile sudanese (conflitto che ha insanguinato per oltre 20 anni il Sudan e che secondo le stime di Wikipedia ha provocato oltre due milioni di morti) sono rimasti orfani e vivono alla giornata. Tanti finiscono nelle truppe dei ribelli e giovanissimi vanno a fare la guerra. Anche il giovane Arop Bol rischia di finire nell’esercito e solo grazie alla sua astuzia riesce ad evitare la guerra civile. La sofferenza unisce questi «ragazzi perduti»: «Sono le sole persone che mi capiscono» dichiara il venticinquenne all'Observer. «Ho circa cinquanta amici su Facebook che sono ragazzi orfani sudanesi. Rimaniamo in contatto. Ci incoraggiamo l'un l'atro. Parliamo del futuro e di cosa possiamo fare per salvare il nostro paese». Durante il lungo viaggio verso il Sudafrica Arop Bol ha vissuto numerosi momenti di sconforto: «Molte volte mentre ero in viaggio, pensavo che sarebbe stato meglio se dei ladri mi avessero ucciso. Allora - pensavo - sarei stato definitivamente libero».

RITORNO A CASA - Oggi il giovane, che vende sigarette e caramelle nella capitale sudafricana, spera che il suo libro raccolga anche un buon successo di pubblico così con i soldi guadagnati potrà tornare definitivamente nel suo paese: «Non per arricchirmi - precisa. Voglio costruire una scuola. Poi voglio mostrare alla gente che la nostra terra è molto fertile e che essi possono usare l'acqua per coltivarla». A chi gli chiede come ha fatto a scrivere un libro così intenso in sole sei settimane, risponde con grande modestia che non è stato difficile e sottolinea: «Ogni cosa era già presente nella mia mente». Infine racconta che nel 2003, con i primi soldi messi da parte, è tornato per un breve periodo in Sudan alla ricerca dei suoi genitori. «Li ho trovati - afferma con tristezza. "Si erano abituati a vivere senza di me. Ho scoperto che sono allevatori di bestiame. Fino a quando non li ho rincontrati, non sapevo nemmeno in che anno fossi nato. Ora almeno so che ho 25 anni».




permalink | inviato da demiurgo il 6/7/2009 alle 17:48 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Parabola sufi. I tre consigli
1 luglio 2009
Un giorno un uomo catturò un uccello. L'uccello gli disse; "Non posso esserti utile finché sono prigioniero. Liberami e ti darò tre preziosi consigli".
L'uccello promise di dare il primo consiglio ancora nelle mani dell'uomo, il secondo quando avrebbe raggiunto il ramo di un albero e il terzo una volta raggiunta la cima di una montagna. L'uomo accettò e sollecitò il primo consiglio.
"Se perdi qualcosa", disse l'uccello, "anche se ci tieni quanto la tua vita, non rimpiangerlo".
L'uomo lasciò la presa e l'uccello andò ad appollaiarsi su un ramo.
"Non credere mai a cose contrarie al buonsenso senza chiedere prove", elargì come secondo consiglio.
Poi l'uccello volò in cima alla montagna, dalla quale dichiarò: "Oh, sventurato! Il mio corpo racchiude due enormi gioielli. Se solo mi avessi ucciso, ora sarebbero tuoi!".
L'uomo si tormentò al pensiero di ciò che aveva appena perso e chiese all'uccello: "Dammi almeno il terzo consiglio!".
"Sei proprio un idiota!", rispose l'uccello. "Sei ancora qui a chiedermi altri consigli, quando non ti sei nemmeno soffermato per un attimo sui primi due! Ti ho detto di non tormentarti per la perdita di qualcosa e di non prestare fede a cose contrarie al buonsenso. Ed è proprio ciò che stai facendo in questo momento! Ti stai lasciando andare a credere in ridicole assurdità e ti stai tormentando perché hai perso qualcosa! Non vedi che non sono abbastanza grande da contenere due enormi gioielli? Sei uno stupido! Pertanto, continuerai a essere prigioniero degli abituali limiti imposti a ogni uomo".

* * *

In alcuni circoli dervisci questo racconto viene considerato molto importante perché 'sensibilizza' la mente dello studente, preparandolo cosi a esperienze che non possono essere provocate per vie ordinarie.
Questa storia, che i Sufi usano quotidianamente, si trova anche nel Mathnawi di Rumi e nel Libro divino di Attar, che fu uno dei suoi maestri. Entrambi vissero nel XIII secolo.

da sufi.it




permalink | inviato da demiurgo il 1/7/2009 alle 18:13 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
SE di Rudyard Kipling
29 giugno 2009
 

Se tu puoi tenere la testa ben ferma
quando tutti a te intorno la perdono
ed accusano te.
Se puoi conservare fiducia in te stesso
quando tutti dubitano di te
e pur compatire il loro dubbio;
Se tu sai attendere e non essere stanco dell'attesa
o, se ti mentono intorno, non scendi a menzogna,
o, se ti odiano, non dai via libera all'odio
ma non appari troppo buono e non parli troppo saggio.
Se tu sai sognare, ma il sogno non è tuo padrone.
Se tu sai pensare, ma non fai del pensiero il tuo scopo.
Se sai incontrare i due Vecchi Impostori,
Trionfo e Disastro, con animo uguale.
Se sai sopportare che il Vero che enunci divenga,
distorto dai furbi, una trappola tesa agli stolti;

Se tu sai vedere spezzate le cose a cui desti la vita,
sostare, ed ancora forgiarle con logori arnesi.
Se, ancora, sai fare una posta di tutto il guadagno
e rischiarlo, con cuore sereno, su un colpo di dadi
e, perdendo, tornare da capo e mai più accennare
a ciò che hai perduto.

Se tu sai forzare il tuo cuore, i tuoi muscoli e nervi
a servire, servire, servire al di là delle forze
e così, tener duro, pur quando in te tutto è finito
eccetto il Volere che dice: "Resisti!"
Se tu sai parlare alle folle e serbarti modesto,
Se sai frequentare i regnanti e restare fra il popolo.
Se nè i nemici, nè gli amici che ti amano
hanno il potere di ferirti.
Se tutti gli uomini contano per te, ma nessuno per te conta troppo.
Se tu sai riempire il minuto implacabile
con sessanta secondi di strada percorsa,
tua allora è la Terra, con ciò che la Terra contiene,
ma, ciò che più vale, Sei Uomo, figlio mio!




permalink | inviato da demiurgo il 29/6/2009 alle 11:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Témoignages d'Iran : "Les bassidjis étaient partout"
26 giugno 2009
LEMONDE.FR | 20.06.09 | 12h16  •  Mis à jour le 21.06.09 | 08h10

lors que l'Iran s'enfonce dans une crise politique majeure, la voix de ses habitants peine à passer les frontières. Les tentatives des médias occidentaux de faire parler les acteurs de cette crise se heurtent à deux obstacles : le blocage des communications par le pouvoir – blocage intermittent mais réel – et la peur des opposants de s'exprimer.

Nous avons joint sept Iraniens et un Français habitant en Iran. Nous connaissons certains de ces interlocuteurs, d'autres non. Tous ont demandé que leurs propos soient anonymes. Nous livrons leurs témoignages bruts, recueillis par courriel et par téléphone.

[Nous avons recueilli le témoignage ci-dessous après les affrontements de samedi 20 juin à Téhéran]

S., jointe par courriel. Elle a 47 ans et habite à Téhéran


"Je reviens de l'Université de Téhéran. Les forces de l'ordre étaient présentes partout. Il y avait beaucoup de monde qui allait vers la place Enqelab : beaucoup de femmes, des étudiants, des personnes de tous les âges. Mais les bassidjis [milice islamiste] empêchaient les gens d'avancer. (...) De temps en temps, quelqu'un provoquait la foule et du coup les bassidjis se ruaient vers les manifestants en donnant des coups de matraque sans se soucier de savoir si c'était une femme ou un enfant qui les recevait... (...) Nous nous sommes avancées vers la place Vali Asr où les bassidjis nous attendaient en nombre. (...) La police envoyait des jets d'eau sur la foule et utilisait des gaz lacrymogènes. Nous nous sommes réfugiées dans une boutique. Nous sommes finalement reparties, n'ayant pas trop envie de recevoir des coups de bâtons. En tout cas, il y avait beaucoup beaucoup de monde, ils essayaient de les disperser, mais je n'ai pas eu l'impression que cette foule avait peur. Il n'y avait aucune organisation. Toute cette énergie était gaspillée et ne se canalisait pas. Le centre ville et la place Vanak sont envahis par les forces de l'ordre. Depuis hier soir les bassidjis arrêtent les voitures et vérifient les papiers".

[Nous avons recueilli les deux témoignages ci-dessous vendredi 19 et samedi 20 juin, après le discours d'Ali Khamenei]

H. a 31 ans et habite Téhéran. Elle travaille dans le commerce.

"Personne n’a été surpris par le discours de Khamenei, vendredi. Le guide suprême disait qu’on ne plus rien faire, qu’on ne reviendrait plus sur les élections. L’écouter m’a fait peur. C’était comme si l’histoire se terminait ici et que chacun doit rentrer chez soi et reprendre une vie normale. Nous n’avons plus d’espoir, maintenant, de voir les élections annulées. Ce qui reste, c’est une grande tristesse de voir que le peuple a été à ce point insulté.

Depuis une semaine qu’a commencé le mouvement, j’ai participé à plusieurs manifestations. Au début l’ambiance était différente. Les gens souriaient malgré leur haine. Ils étaient silencieux,  mais pas tristes. Ils avaient peur, aussi : on ne voyait que des adultes, pas d’enfants ni de personnes âgées. Il y avait une sorte de solidarité, comme ce marchand qui distribuait ses jus de fruits aux manifestants. On se rappelait tous la révolution en 1979.

Les slogans n’ont pas changé mais l’ambiance a petit à petit changé. Elle est devenue plus tendue. Pourtant, les gens participent de plus en plus, ils viennent avec leurs enfants et toute la famille. Ces deux derniers jours, les gens sont de plus en plus tristes. Ils brandissent des photos des manifestants qui ont été tués pendant la semaine. Ils sont en deuil et ils ont tous peur, parce qu’on dit que les hommes de sécurité sont infiltrés dans la foule. Ce qui fait particulièrement peur, c’est que les étudiants qui ont été arrêtés ne sont pas dans la grande prison Evin. Ils sont dans les sous-sols du ministère de l’intérieur et ont été torturés."

R. a 26 ans et habite Téhéran. Elle est ingénieur et travaille dans le secteur pétrolier.

"Je n'ai pas été surprise par la prise de position de Khamenei. Il y a quelques temps de cela, dans un discours, il avait dit à Ahmadinejad de se préparer à être président pendant huit ans. Les analyses que l'on entend en Iran à ce sujet c'est que Khamenei fait tout ça pour renforcer son pouvoir personnel : éliminer les personnes plus éduquées que lui et celles qui étaient plus proches de Khomeiny.

Ce discours faisait peur, aussi. Il sonnait comme une déclaration de guerre ! Probablement la guerre du peuple contre le peuple…
J'ai participé à toutes les manifestations depuis lundi. Je n'ai personnellement pas vu de violences, seulement entendu des coups de feu. Mais je crains que ça ne change à partir de maintenant. Khamenei a donné le coup d'envoi de la répression. Dans les autres villes, je crains que le mouvement s'essouffle. En province, la répression est plus brutale, et puis les gens sont plus facilement identifiables dans une petite ville. Nous avons encore de l'espoir. Combien ? Je n'en suis plus sûre…"


[Les témoignages suivants ont été recueillis en milieu de semaine]

A, joint par téléphone, habite à Téhéran et a une trentaine d'années. Il est étudiant.

"J'habite chez mes parents dans le nord de Téhéran. J'ai participé à trois manifestations. Comme la plupart des gens que j'ai croisés, c'était une décision spontanée, le besoin d'être ensemble pour dénoncer ce retour en arrière que nous impose Ahmadinejad.

Le mélange de peur et d'espoir qui anime les manifestants est très frappant. Les gens ont conscience d'être à un tournant, que des choses peuvent changer. Mais ils sont aussi terriblement inquiets pour leur sécurité. La mainmise du régime est énorme : les portables sont coupés, Internet fonctionne au ralenti, les SMS ne passent pas, les chaînes satellite sont brouillées.

C'est donc difficile de s'informer, mais aussi de s'organiser. De nombreux sites se sont créés pour permettre aux gens de communiquer. Mais même là, même sur Internet, ça grouille d'espions. Des gens vous demandent parfois des renseignements personnels, or on ne sait pas qui ils sont. On ne peut faire confiance à personne, c'est extrêmement pesant dans cette période où l'on ressent par ailleurs de l'espoir.

J'ai entendu beaucoup de cas de personnes arrêtées ; une dizaine, autour de moi. Ils sont gardés dans des lieux secrets. Je pense que leur sort dépendra de la suite des événements. Théoriquement, la situation est grave pour eux : le point de vue officiel du régime est que les manifestations sont guidées de l'étranger par les ennemis de l'Iran. Les activistes arrêtés peuvent donc être considérés comme des espions. Ils risquent la mort."

M., joint par téléphone, habite à Téhéran et a une trentaine d'années. Il est ingénieur et travaille pour le gouvernement.

"Les événements que nous vivons aujourd'hui ont commencé avant les élections. La campagne a ouvert une période de liberté, de débat. Alors, quand les résultats ont été annoncés, le choc a été énorme, avec l'impression d'un brutal retour en arrière. Presque tout le monde ici, à Téhéran, est convaincu qu'il y a eu fraude. Les gens sont descendus dans les rues spontanément. Sous l'effet de ce choc et parce qu'ils avaient pris l'habitude de s'exprimer pendant la campagne. Dès le premier jour, les gens ont voulu se retrouver et partager ensemble les déflagrations de ce choc ; les rues étaient remplies de monde jour et nuit.

Je ne sais pas si des groupes spécifiques, des organisations partisanes, ont contribué à lancer les événements, mais la plupart des gens sont descendus spontanément dans les rues. Surtout des jeunes, entre 20 et 40 ans ; beaucoup de femmes, peut-être la moitié des protestataires ; des gens des classes moyennes et supérieures, mais qui n'ont pas peur de perdre ce qu'ils ont pour pouvoir dire ce qu'ils ont à dire.

Tout le monde, dans cette foule très soudée, n'a évidemment pas les mêmes attentes. Je dirais que 80 % des manifestants sont juste choqués par les fraudes, ils veulent que leur voix soit prise en compte ("Where is my vote ?", leur principal slogan). Les 20 % restants sont plus radicaux, ils en veulent au système dans son ensemble. Mais tout le monde est fatigué du régime, de ses échecs, de son extrémisme sur la scène internationale.

J'ai assisté à de très dures scènes de violence. Samedi soir, par exemple, dans la rue Mirdamaad, des manifestants ont attaqué deux banques et un bus. Des policiers en moto sont arrivés et ont frappé la foule avec une violence extrême, sans faire de distinction entre les casseurs et les autres. Ils ont cassé toutes les vitres des bâtiments autour, pour créer une panique. Les riverains ont ouvert leurs portes pour nous permettre de nous réfugier, mais les policiers ont investi certaines maisons et ont continué à casser et frapper.

Malgré cette violence, je ne sens pas le pays sombrer dans une haine entre les deux camps. Il n'y a pas de réel dialogue entre les partisans de Moussavi et ceux d'Ahmadinejad, mais chacun comprend l'autre et ses motivations. Dans la rue, j'ai vu passer une voiture : les parents brandissaient des portraits d'Ahmadinejad ; les enfants des portraits de Moussavi."

S., interrogée par courriel, habite à Téhéran et a 47 ans. Elle travaille dans un commerce et n'a pas touché de salaire depuis janvier.

"Les manifestations ont commencé place Vanak, samedi après-midi. Le matin, tout le monde était sous le choc et cherchait à comprendre ce qui se passait. Je travaille avenue Vali Asr (Vanak est une grande place et Vali Asr la traverse), j'ai rencontré les manifestants en sortant du travail à 16 heures.

J'ai rencontré des gens de la classe moyenne, des employés, des commerçants du quartier, des jeunes (femmes et hommes), beaucoup de femmes (jeunes et plus âgées). On dit que les gens des quartiers pauvres du sud de Téhéran ne participent pas au mouvement, mais à Islam Shahr il y a des protestations.

Dans mon quartier, les gens s'installent sur les toits et crient "Allah o akbar", "A bas le dictateur", "A bas le dictateur nain" (les Iraniens ne peuvent pas s'empêcher d'être comiques) et même "A bas Khamenei", "Rendez-nous nos votes", "Avec l'aide de Dieu la victoire est proche" (un slogan de la révolution de 1979 contre le shah).

Les quartiers de l'ouest de Téhéran sont aussi en crise : Saadat Abad, Shahrak Gharb, Gueisha, Shahr Ara, avenue Shariati, avenue Pasdaran, Park Way sur Vali Asr et tout près du siège de la radio et de la télé, Niavaran, Tadjrish... Youssef Abad,Vanak... beaucoup de quartiers du centre et du nord de la ville.

Ce que les manifestants veulent ? Crier leur colère et obtenir le départ d'Ahmadinejad. Ils demandent à éclaircir les résultats du scrutin, ils ont l'impression d'avoir été trahis. Beaucoup de gens autour de moi ont voté pour la première fois. Autant des ouvriers que des employés ou des personnes contre le régime. Tout le monde a senti un vent de liberté pendant la campagne électorale, surtout après les débats télévisés. Beaucoup en avaient assez des politiques désastreuses d'Ahmadinejad : isolement de l'Iran dans le monde, problèmes économiques et inflation, manque de liberté et censure, cette propagande insupportable qui dit que l'Iran est en marche vers la prospérité et la gloire... Nous pensons que nous assistons à un coup d'Etat.

La police est présente dans la rue mais pas beaucoup plus que d'habitude. Ceux qui attaquent les manifestants sont les gardes spéciaux, les agents Ettelaatis (l'équivalent des renseignements généraux), les bassidjis (des milices de volontaires) et des milices qui n'ont pas d'uniforme. Samedi, ils tapaient sur les gens, et défilaient glorieusement en moto sur l'avenue Vali Asr. Ils attaquaient par vague la manif, à pied ou à moto, tiraient des balles en l'air, tapaient avec des bâtons et utilisaient des gaz lacrymogènes.

Dimanche, la petite place près de chez moi était noire de bassidjis armés jusqu'aux dents, qui écoutaient le discours victorieux d'Ahmadinejad et attendaient les protestations du soir. C'était effrayant. Comme ils n'avaient pas l'air méchant, j'ai osé demander : qu'est-ce qui se passe ? Notre président a dit que l'Iran est le pays le plus calme du monde ! Que faites-vous là ? Ils ont répondu : C'est pour votre sécurité, madame !"

Z., interrogé par courriel, habite à Téhéran.

"Téhéran est en feu. Il y a des manifestations partout. Les bassidjis sont armés de chaînes, de couteaux et aussi d'armes à feu. Ils sont habillés en civil et sont difficiles à identifier. Ce sont eux qui vandalisent les biens publics mais la télévision d'Etat accuse les partisans de Moussavi, alors que ceux-ci sont pacifiques et cherchent à éviter les affrontements.

Les bassidjis ont attaqué l'université de Téhéran et tué huit personnes, deux garçons et six filles [le bilan officiel est de sept morts à Téhéran]. Ils stationnent devant les hôpitaux de la ville pour arrêter les gens blessés qui viennent se faire soigner. Plusieurs personnes ont été kidnappées et on n'a aucune nouvelle d'eux depuis."

A., interrogé par courriel, habite à Chiraz, dans le sud du pays.

"J'ai été prévenu hier que je ne devais avoir aucun contact avec les médias étrangers, sous peine de quoi je serais arrêté. Les SMS, Facebook, rien ne marche.

Dans ma ville de Chiraz, sept ou huit personnes ont été tuées [cette information n'a pas été confirmée]. Ceux qui sont blessés n'osent pas aller à l'hôpital par peur des bassidjis. Ceux-ci remplissent des tuyaux en PVC avec du ciment pour en faire des matraques.

D'après ce que j'entends dire, la répression est plus terrible dans les provinces qu'à Téhéran."

E., joint par téléphone, est français. Depuis quatre ans, pour son travail, il passe régulièrement plusieurs mois en Iran. Il habite une petite ville du sud du pays.

"Dans la petite ville où j'habite, le mouvement de protestation arrive tout juste. Comme à Téhéran, les gens commencent à investir les toits pour crier leurs slogans.

Mes collègues continuent à venir au bureau, mais ils ne travaillent pas vraiment : ils cherchent des informations. Ce qui est difficile, les mails et les téléphones étant la plupart du temps coupés.

La surprise et le choc provoqués par l'annonce des résultats peut se comparer, pour moi, avec la présence de Jean-Marie Le Pen au deuxième tour de la présidentielle, en 2002. Ce résultat semble incompréhensible. Depuis quatre ans, presque tous les gens que je rencontre m'expliquent qu'ils en ont marre du régime. Et pas seulement des managers ou des cadres, des chauffeurs de taxi, aussi.

Depuis les élections, il m'arrive d'avoir des discussions politiques qui réunissent trois ou quatre personnes. Les langues se délient. C'était inenvisageable avant : entre eux, les Iraniens ne parlent pas de politique, il y a une chape de plomb. A moi, ils me parlent parce que je suis étranger."




permalink | inviato da demiurgo il 26/6/2009 alle 11:8 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
La razionalità del verme come risoluzione all'impasse postmoderno - Il caso delle relazioni internazionali
23 giugno 2009
 

La rivoluzione metodologica postmoderna, che l'evoluzione tecnologica e comunicativa non hanno fatto altro che palesare all'opinione pubblica mondiale, facendola diventare un facile e appetibile modalità argomentativa, ha avuto uno straordinario impatto sulle possibilità di analisi e decisionali anche per quanto concerne il campo della scienza politica.

Il passaggio da uno schema di differenziazione dicotomica a uno polare pone il campo politico su un nuovo piano in cui le sue capacità operative vengono notevolmente ridotte e rielaborate. Lo schema della razionalità assoluta, di matrice economica, si trova completamente svuotato di qualsivoglia operatività e anche quello di razionalità limitata, costruito proprio per colmare le lacune del primo modello si trovano a un vero e proprio impasse. Ovvero l'assenza di possibilità di analizzare tutte le variabili che sono alla base della differenziazione polare comportano il rischio di negare qualsiasi possibilità di scelta razionale. Il dilemma a questo punto sembra spostarsi dalla scelta in senso stretto e fattuale alla mantenimento della stessa libertà di scelta. Il rischio è quello di restare intrappolati nei massimi locali, ovvero in condizioni di equilibrio che, date determinate variabili, sembrano massimizzare la nostra utilità e che invece si rivelano relativi in quanto una conoscenza più ampia ci permetterebbe d'individuare nuovi punti di equilibri più performanti dal punto di vista della massimizzazione. Lo schema teorizzato da Roegen prevedeva come logico correttivo di questa situazione una strategia informativa ad hoc che permettesse un'effettiva scelta sotto il vincolo delle principali variabili. Roegen riassume  l'insieme di queste diverse possibilità di analisi,  personificandole con un lombrico e un'aquila. Il primo rappresenta il singolo prigioniero del massimo locale che, come un lombrico, seguendo le inclinazioni del terreno, si ferma al primo punto di massimo incontrato. Questo avviene a causa della sua mancanza di esperienza e prospettiva che, vista la sua cecità, gli impedisce di proseguire nel timore di perdere il vantaggio acquisito. L’aquila invece, grazie al suo volo, ha la possibilità di sondare tutte le scelte possibili e scegliere quindi quella che massimizza il suo interesse. Pertanto in questo schema informazioni e possibilità di scelta sono due variabili strettamente proporzionali. Questa possibilità tuttavia, in un orizzonte postmoderno, viene a scontrarsi con un'infinita gamma di variabili e possibilità di scelta che creano non soltanto problemi di costo-tempo e di computazione, ma anche epistemologici in quanto le circostanze non sono prevedibili o predeterminabili e certi piani di azione riguardano azioni irripetibili dell’esistenza umana. Tale condizione rischia pertanto di condurre a decisioni arbitrarie che inoltre, come sostiene Elster, impediscono ogni possibile cambiamento in quanto il costo di tale azione sarebbe insostenibile per gli agenti. L'unica soluzione a questo impasse è quella di ritornare alla posizione del massimo locale, escludendo però volontariamente dalla propria analisi tutta una serie di altre possibilità che potrebbero essere invece immaginabili e accessibili, ma che la paura di non giungere a una massimizzazione della propria utilità, proprio a causa di una mancanza informativa, rende non profittevoli. In tal modo viene meno la differenziazione polare a vantaggio di una riduzione reale delle proprie scelte benché costruita e autoreferenziata. Questo schema inoltre sposta forzosamente l'asse del processo decisionale dal problem solving a quello che Marche e Olsen definiscono il modello del cestino dei rifiuti. In questa logica l'attore decide di optare per la scelta più a portata di mano cercando così di adattare i problemi alle soluzioni. La realtà viene dunque riadattata, modificata, plasmata in relazione alle soluzioni a disposizione.

Tale situazione è quanto mai evidente nel campo politico e soprattutto sulla scena politica internazionale. Sullo scacchiere mondiale si è assistito a una vera ricostruzione e perpetrazione della differenziazione dicotomica sia per quanto concerne la teoria che le scelte politiche. Gli eventi che si sono susseguiti dalla fine della Guerra Fredda descrivono appieno l'ingresso in un periodo di analisi e di argomentazione di tipo postmoderno e il successivo tentativo di ritorno a una logica di differenziazione dicotomica. Lo studio moderno delle relazioni internazionali dalla loro stessa “istituzione” nel 1919, con la creazione della cattedra in International Politics di presso lo University College del Galles a Aberystwyth hanno basato costantemente le proprie analisi su uno schema prettamente dicotomico o, usando una terminologia prettamente internazionalistica, bipolare. Tutta la storia moderna è stata vista in quest'ottica anche i momenti contraddistinti da una multipolarità sono stati sempre interpretati come tappe di passaggio verso un cristallizzazione intorno a due potenze egemoniche. L'inizio della Guerra Fredda e dell'epoca del confronto dei blocchi hanno fortemente influenzato la riflessione teorica delle due principali correnti di pensiero; il realismo e il liberalismo. La realtà delle relazioni interstatali della seconda metà del XX secolo ha fornito una valida dimostrazione empirica delle teorie bipolari, o al massimo tripolari, costruite fino alla caduta del Muro di Berlino. I primi anni successivi alla fine dell'opposizione, il cui evento centrale è rappresentato dalla seconda guerra del Golfo e dalla successiva operazione onusiana in Somalia, non posero alcun problema dal punto di vista teorico, se non quello di sancire la momentanea vittoria del paradigma liberale su quello realista. Ciononostante il sistema internazionale che sembrava andarsi a strutturare non poteva alcun problema dal punto di vista dei presupposti epistemologici alla base delle varie teorie. Dall'opposizione bipolare si passò all'ideale del consesso multipolare, sottintendendo tuttavia con questo termine la vittoria della visione ideologica di uno dei due blocchi. L'ideale liberale americano sembrava finalmente affermarsi universalmente insieme a un rinato vigore del sistema onusiano fino ad allora bloccato nell'opposizione est-ovest. La possibilità di un vero consesso mondiale è stato anche sostenuto dall'evidenza della progressiva diffusione degli ideali democratici che sembrava per la prima volta nella storia portare alla realizzazione di quella che gli internazionalisti liberali avevano chiamato la pace democratica. Tuttavia questa condizione di multipolarità delle grandi difficoltà organizzative a causa dell'impossibilità di prendere delle decisioni e posizioni rispetto alle nuove sfide glocali. Anche dal punto di vista teorico la diffusione degli ideali liberali ha posto un serio problema di categorizzazione ben evidenziabili dal saggio di Francis Fukuyama “The end of history and the last man”. La complessificazione della realtà è andata di pari passo con una progressiva riduzione degli spazi decisionali degli Stati anche in connessione con un rinato interesse per particolarità locali o regionali. In questo scenario gli eventi successivi agli attacchi terroristici al World Trade Center hanno palesato di come il sogno del consesso multipolare veniva a infrangersi contro le immense contraddizioni che le guerre tribali e etniche degli anni '90 avevano solo iniziato a mostrare. Ciò detto si sono fatti nuovi sforzi di categorizzazione delle singole specificità con lo scopo di di permettere, da una nuova analisi teorica, una maggiore capacità gestionali di cui la visione culturalista dello scontro di civiltà di Huntington rappresenta uno dei primi tentativi. Ma è stata la nuova politica estera americana e la svolta teorica dei neo-con americani a esplicare meglio questa volontà di sistematizzazione. Concetti come quelli dell'esportazione democratica, della guerra ai rough states, dell'opposizione mondo giudaico-cristiano contro quello islamico e paesi ricchi contro paesi poveri rappresentano i principali esempi di questo tentativo di semplificazione della complessità della realtà allo scopo di poter riutilizzare i concetti propri del periodo bipolare. Il tentativo non è tanto quello di riutilizzare questi concetti adattandoli al mutato sistema internazionale, ma piuttosto quello di cambiare i presupposti della realtà per poterli applicare senza sostanziali modifiche. Questa è la strategia impiegata sia dai decisori politici che dai singoli come nuova griglia valutativa della realtà.

Le relazioni di agenzia e le strategie comunicative, in questo caso rappresentate dal sistema onusiano e dalle OO.II. che la teoria della razionalità limitata dovrebbe considerare correttivi alle problematiche decisionali causate dalla complessificazione della realtà, non sono più utilizzabili. Infatti sempre più spesso si assiste a un maggiore ricorso alla delega decisionale, permettendo e autorizzando così la c ostruzione di una visione della realtà parziale, fallace e altrimenti infondabile.

Il primo esempio di questa tendenza si può ritrovare nel mandato dato dall'ONU agli Stati Uniti e alla NATO per la risoluzione della minaccia talebana in Afghanistan. Questa decisione rileva di una vera e propria delega che  sottomette la realtà alla visione di un singolo, in questo caso gli Stati Uniti, che in una condizione di plurime interpretazioni e visioni del mondo rischia di portare a un disaccoppiamento tra realtà e esperienza cognitiva. 

La realtà non è compresa ma interpretata alla luce di una semplificazione della quale ci si illude. Ruolo chiave giocano pertanto i fatti istituzionali creati dal gruppo che permettono di modificare i dati empirici della realtà. In questo caso come affermava il cardinale de Retz il discorso è molto più importante delle semplici azioni in quanto ha la forza di modificare l'universo morale in cui ci muoviamo. In quest'ottica possono essere analizzate i discorsi e il background teorico che hanno accompagnato i due mandati di Bush per quanto concerne la politica estera americana e discorsi dei vertici dei gruppi terroristici islamici e del presidente iraniano Ahmadinejad. Se si destrutturano i discorsi e i proclami di questi  leader siano tesi a una vera e propria creazione di un nemico immaginario: opposizione di bene e male, come ben dimostra il concetto dell'Axe of Evil,  riutilizzo del linguaggio dello scontro religioso e di civiltà, del concetto di guerra santa e crociata. Obiettivo è cercare di ritornare alla vecchia dicotomia     nemico-amico di Carl Schmitt, riattualizzando tutto quel bagaglio teorico e quei sistemi di analisi che avevano permesso di gestire il sistema bipolare ma che diventavano privi di significato in seguito alla vittoria del blocco occidentale. 

In questo modo gli Stati ritrovano una parvenza di potere decisionale e coercitivo legittimo, ritornando così a giocare quel ruolo che il sistema internazionale statocentrico aveva loro consegnato. La nozione di sovranità è il cardine del decisionismo per quanto concerne le relazioni internazionali. L'analisi di  Schmitt riprende così vigore attraverso la distinzione amico-nemico che rappresenta l'estremo grado d'intensità di un'associazione o di una dissociazione. Il nemico in questo caso è l'altro con il quale possono sorgere conflitti, che a livello interstatale, a cui solo appartiene lo jus belli, questi si trasformano in guerra. Il fatto che solo lo Stato possa possa determinare il nemico e promuovere la guerra, rafforza proprio l'intensità dei legami all'interno dell'associazione in cui si riconoscono i proprio “amici” e l'allontanamento di coloro che si riconoscono come “nemici”.

Questa dinamica una volta avviata è difficilmente arrestabile in quanto obbliga tutti gli Stati a prendere posizione rispetto alla differenziazione dicotomica che si è generata. Benché le istanze e le possibilità di aggregazione siano plurime nel cosiddetto “periodo post-moderno”, le varie differenziazione sembrano riallinearsi attorno all'opposizione liberalismo – antiliberalismo dal punto di vista politico-economico, in modo ancora più stretto democrazie contro regimi dispotici e gruppi terroristici. La ragione di questa slittamento deve proprio ritrovarsi nella forza dei discorsi politici soprattutto americani e di una certa parte della scuola realista americana della relazioni internazionali come Buzan,  Mearsheimer e Cohen.   Per quanto concerne l'influenza accademica americana nel campo delle relazioni internazionali basta considerare l'importanza che i centri di ricerca d'oltreoceano saputo costruirsi rispetto alla scuola europea che tende ancora a confinare la materia all'interno della sociologia, limitandone così le capacità operative.

Maggiore intenzione deve invece essere dedicata ai discorsi dei decisori politici. I discorsi della presidenza Bush, ma anche i discorsi di elezioni e d'investitura del presidente Obama, rivelano come le proposizioni normative possano mutare la distanza tra la realtà e l'immagine della stessa. Due esempi su tutti possono mostrare meglio quanto le parole possano modificare i nostri presupposti analitici. Nei mesi che precedettero l'invasione irachena i discorsi dell'amministrazione Bush furono incentrati nell'intento d mobilitare l'opinione pubblica mondiale, tramite una forte carica emozionale, evocando un clima d'immanenza dell'intervento militare. Si è cercato di forzare molto i toni per enfatizzare tale minaccia, alludendo al sicuro legame dell'Iraq e al-Qa'ida, in realtà mai provato. Con la sua “iniziativa di autunno”, Bush ha costretto Saddam ad accettare l'ultimatum delle ispezioni. Tuttavia questo era solo il primo passo. L'obiettivo minimo dell'azione americana sembrava infatti collocarsi molto oltre il semplice conseguimento del disarmo iracheno. Si trattava di garantirsi che Baghdad non potesse mai più nuocere in futuro. L'enfasi infatti è stata posta solamente sulla minaccia alla sicurezza mondiale del regime baathista, ma soprattutto sull'inaffidabilità di Saddam. Una sottolineatura molto forte, che ragionevolmente sembrava escludere qualsiasi ipotesi di soluzione della crisi che non prevedeva la liquidazione politica del ra'is.    

L'altro esempio si ritrova nel discorso di Obama della sera della vittoria elettorale. Benché poco spazio sia stato dedicato all'ambito internazionale, si possono rilevare alcuni accenni e riferimenti che non possono che ricollegarsi nel solco maggiore della politica estera inaugurata da Bush: “To those – to those who would tear the world down: We will defeat you. To those who seek peace and security: We support you”. Non è difficile ritrovare in quest'affermazione la migliore descrizione della differenziazione schmidtiana che tanto aveva fatto la fortuna di Regan con la formula dell'Impero del Male, riattualizzata da Bush con l'Asse del Male che associava la formula degli anni '80 con la sfida alla minaccia nazifascista.

Tale situazione trova supporto dal punto di vista teorico nella supremazia della teoria realista offensiva di Mearsheimer e del dilemma della sicurezza di Buzan. Tali costruzioni teoriche permettono di fornire un background d'analisi e giustificativo delle posizioni tenute dai decisori politici.

Tale situazione porta ad affrontare una riflessione sulle possibilità di sviluppo che tali modalità analitiche e operative comportano per gli equilibri internazionali e geopolitici. In questo schema il potere egemonico si sposta dal semplice possesso delle risorse economiche al controllo dei sistemi comunicativi ed educativi. Come l'impero romano aveva la capacità di attivare un meccanismo di accentramento e diffusione della cultura dominante, così oggi la superpotenza sopravvissuta alla Guerra Fredda applica una pax americana con cui veicola alla periferia la propria immagine della realtà dei rapporti interstatali. Pertanto il mutamento d'interpretazione non può che passare da una modificazione dei presupposti ontologici del gruppo politico egemone, avvalorando così le costruzioni teoriche che a quelli si confanno.




permalink | inviato da demiurgo il 23/6/2009 alle 17:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
Celui dont on ne doit pas prononcer le nom
22 giugno 2009

da lemonde.fr

Mardi 19 mai, Patrick L. a été convoqué devant le tribunal de police de Marseille pour avoir crié “Sarkozy, je te vois !” en pleine gare Saint-Charles. Le ministère public réclame (avec indulgence, il risquait 450 euros d’amende) 100 euros pour “bruit et tapage injurieux diurnes troublant la tranquillité d’autrui”. Le jugement sera rendu le 3 juillet.

Embarrassé par “l’affaire”, Luc Chatel, porte-parole du gouvernement, a déclaré qu’il s’agissait d’un “malheureux excès de zèle” tout en affirmant bien entendu qu’ “il appartient au juge de se prononcer sur la validité de cette poursuite”. (On lui souhaite bon courage.)
La secrétaire d’Etat a insisté sur le fait que ni celui dont on ne doit pas prononcer le nom “ni le ministre de la Justice n’étaient informés de cette procédure puisqu’elle a été initiée par le tribunal de police compétent en la matière”.




permalink | inviato da demiurgo il 22/6/2009 alle 18:7 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia
luglio